La Band

I Blugrana nascono nel Settembre 2003 da un'idea di Marcello Mautone (Voce), che già da tempo scriveva canzoni, ma che solo in quel periodo decide di eseguirle con un gruppo.
La prima vera svolta dei Blugrana si concretizza quando Marcello incontra Biagio Siero (Batteria), con cui condivide molte passioni. Nasce così un binomio perfetto, che rappresenta ancora oggi la vera spina dorsale della band. Nel Febbraio 2004, la prima formazione incide un EP contenente cinque canzoni. Seguono diversi live, grazie ai quali la band riesce ad esprimere pienamente la prorompente dinamica dei brani e il valore tecnico dei singoli.

Nel 2005 Blugrana incidono un secondo EP contenente quattro nuovi brani. Dopo un altro tour il gruppo cambia line up. La trama si ispessisce con l'arrivo in formazione di un nuovo chitarrista (Francesco Fidone), un bassista (Dario Bartetti) e un chitarrista/sassofonista (Bruno Tomasello). Con questo nuovo assetto incidono un altro EP (Ultimo viaggio) contenente cinque nuovi brani. Il disco viene ben accolto da diverse web zines e nei numerosi concerti.

A giugno 2009 il gruppo entra in studio (al Massive Arts Studio di Milano) dove registra l'album di debutto "Blugrana" uscito il 14 gennaio 2011.
Per promuovere questo nuovo lavoro la band comincia una intensa stagione di concerti che li porterà fra gli altri ad aprire i Subsonica a Marina di Camerota (SA).
Iniziano quindi i lavori per il nuovo album "Così lontano": prodotto contaminato dalle diverse esperienze musicali e personali che i membri avevano nel frattempo vissuto. L'album verrà ultimato nell'estate del 2016 e portato dal vivo per tutta la stagione.

Alla fine del 2017, dopo diverse date per presentare l'album al pubblico, la band perde i due chitarristi storici Francesco e Bruno sostituiti da Matteo Cavanna che porta nuova verve alla band e uno stile personalissimo.
Nello stesso anno iniziano i lavori per la realizzazione del nuovo disco con nuove canzoni e nuovi arrangiamenti di Matteo Cavanna, uno stile più aggressivo ma con sonorità ben radicate ai tempi d'oggi, insomma un disco d'impatto con uno sguardo al futuro.
Il lavoro dura due anni e con l'arrivo di Marco Marzaroli al basso si concretizza il progetto che partirà agli inizi del 2019 con l'uscita del disco.